INTELLiVENT®-ASV®: l'assistente al posto letto per combattere la COVID-19

12.05.2020

Mentre i medici lottano per salvare vite umane, la nostra modalità di ventilazione più avanzata può aiutarli a evitare contaminazioni e risparmiare tempo e ore-uomo.

La pandemia da coronavirus si sta rivelando una catastrofe senza precedenti a livello globale, non solo dal punto di vista sanitario ma anche sotto il profilo economico e sociale. Soprattutto nei Paesi più gravemente colpiti, gli operatori sanitari lavorano al limite delle proprie possibilità. Due delle maggiori difficoltà da affrontare in questo momento sono:

  • La carenza di ventilatori meccanici in molti Paesi
  • La necessità di avere un numero sufficiente di operatori addestrati in grado di utilizzare i ventilatori disponibili In alcuni casi, il numero di pazienti ricoverati contemporaneamente in terapia intensiva è estremamente elevato e in questo ambiente ad alto rischio di contagio gli operatori sanitari possono essere contaminati oppure avere un burnout o altri problemi di carattere psicosociale [1].

Si stima che in Cina siano stati contagiati 3000 operatori sanitari [2], mentre la stima effettuata dall'International Council of Nurses (Consiglio internazionale degli infermieri) è di circa 90000 contagiati a livello globale (maggio 2020) [3]. I protocolli ospedalieri speciali per la tutela degli operatori sanitari comprendono misure di sicurezza come la limitazione del numero di ingressi dell'operatore sanitario nella stanza del paziente.

La modalità di ventilazione intelligente, INTELLiVENT-ASV, agevola la gestione di questi problemi e aiuta gli operatori in molti altri modi in questo periodo per loro stressante e sfiancante. Per maggiori informazioni sull'acquisto di INTELLiVENT-ASV, contattare il rappresentante Hamilton Medical per il proprio Paese.

In che modo, esattamente, INTELLiVENT-ASV è in grado di aiutare?

  • Riducendo l'interazione dell'operatore sanitario con il ventilatore e di conseguenza il rischio di contaminazione
  • Monitorando continuamente le condizioni dei polmoni del paziente e regolando le impostazioni in modo da favorire l'applicazione di strategie personalizzate di protezione polmonare
  • Ventilando i pazienti in modo autonomo al posto dell'operatore sanitario quando i parametri rientrano nella zona di ventilazione predefinita
  • Grazie alla caratteristica di essere una modalità di ventilazione unica adatta sia ai pazienti passivi, sia a quelli attivi
  • Tenendo sotto controllo sia l'ipossiemia, sia l'iperossiemia e regolando le impostazioni in modo da evitare entrambe queste situazioni rischiose
  • Favorendo lo svezzamento precoce grazie alla funzione di Svezzamento Veloce, che contempla la possibilità di eseguire prove di respiro spontaneo manuali e automatiche

Come funziona INTELLiVENT-ASV?

INTELLiVENT-ASV è come un assistente personale al posto letto, utilizza i dati fisiologici del paziente insieme agli obiettivi e ai valori limite impostati dal medico per regolare in modo automatico e continuo l'eliminazione della CO2 e l'ossigenazione di pazienti passivi e attivi.

Diversi studi clinici hanno dimostrato la sicurezza e l'efficacia di questa modalità nel trattamento dei pazienti ventilati meccanicamente con diverse condizioni e con diversi livelli di severità, dal polmone normale ai casi di BPCO, danni cerebrali e ARDS (lieve, moderata e severa). Uno studio recente [4], condotto su 255 pazienti passivi ricoverati in terapia intensiva con polmoni normali, BPCO e ARDS, ha evidenziato che i valori di pressione di lavoro, potenza meccanica e Vt selezionati da INTELLiVENT-ASV sono ritenuti all'interno degli intervalli sicuri per la protezione polmonare.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ulteriori dettagli


Come si presentano i pazienti con COVID-19?

Il SARS-CoV-2, l'agente che provoca la COVID-19, è un coronavirus che colpisce in modo grave il sistema respiratorio di un numero di persone sempre più elevato. Nonostante sia stato evidenziato che la COVID-19 corrisponde alla definizione di Berlino dell'ARDS [5], la polmonite legata alla COVID-19 è una malattia specifica caratterizzata da particolari fenotipi. La sua principale caratteristica risiede nella dissociazione tra la gravità dell'ipossiemia e il mantenimento di una meccanica respiratoria relativamente buona. Vi sono due tipi di pazienti, a seconda della gravità della polmonite [6-8].

Tipo 1: compliance polmonare quasi normale con polmonite virale isolata

Tipo 2: compliance polmonare ridotta

Come si trattano questi pazienti con INTELLiVENT-ASV?

INTELLiVENT-ASV seleziona il Vt sulla base di tre parametri:

  • Il volume minuto necessario per raggiungere il valore di PetCO2 impostato dall'utente
  • Lo spazio morto anatomico
  • La meccanica respiratoria

Per qualsiasi valore dato di volume minuto e spazio morto, il Vt selezionato dipende dalla resistenza e dalla compliance. Se la resistenza rimane stabile, una riduzione della compliance provoca una riduzione del Vt e un aumento della frequenza, mentre un aumento della compliance comporta un aumento del Vt e una riduzione della frequenza.

Il tipo 1 corrisponde alla situazione di compliance polmonare normale.

  • %VolMin, FiO2 e PEEP possono essere regolati automaticamente
  • L'impostazione della PEEP massima può essere limitata a 8-10 cmH2O a seconda del contesto clinico

Il tipo 2 corrisponde alla situazione di ridotta compliance polmonare (ARDS);

  • %VolMin, FiO2 e PEEP possono essere regolati automaticamente
  • L'impostazione della PEEP massima è limitata a 15 cmH2O a seconda del contesto clinico

Con INTELLiVENT-ASV, l'operatore può quindi selezionare la condizione polmonare del paziente, gli obiettivi clinici e i valori limite, definire la strategia di svezzamento e, infine, avviare la ventilazione con protezione polmonare.

Leggete la voce nella Knowledge Base su come impostare INTELLiVENT-ASV per un paziente con ARDS da COVID-19.

Facendo clic sul collegamento seguente è possibile accedere ai materiali formativi e ai tutorial video disponibili sull'utilizzo di INTELLiVENT-ASV.

Materiali formativi su INTELLiVENT-ASV

 

Autori: Kaouther Saihi, Caroline Brown
Revisori: Bernhard Schmitt, Munir Karjaghli, Alexandra Gerlach

Riferimenti bibliografici

  1. Zhang W, Wang K, Yin L, et al. Mental Health and Psychosocial Problems of Medical Health Workers during the COVID-19 Epidemic in China. Psychother Psychosom 2020. doi: 10.1159/000507639.
  2. Adams JG, Walls RM. Supporting the Health Care Workforce During the COVID-19 Global Epidemic. JAMA. 2020;323(15):1439-1440. doi:10.1001/jama.2020.3972.
  3. https://www.icn.ch/news/icn-calls-data-healthcare-worker-infection-rates-and-deaths
  4. Arnal, J.M., M. Saoli e A. Garnero, Airway and transpulmonary driving pressures and mechanical powers selected by INTELLiVENT-ASV in passive, mechanically ventilated ICU patients. Heart Lung, 2019.
  5. Ranieri, V.M., et al., Acute respiratory distress syndrome: the Berlin Definition. Jama, 2012. 307(23): p. 2526-33.
  6. Gattinoni, L., et al., COVID-19 pneumonia: different respiratory treatments for different phenotypes? Intensive Care Med, 2020.
  7. Gattinoni, L., D. Chiumello, e S. Rossi, COVID-19 pneumonia: ARDS or not? Critical Care, 2020. 24(1): p. 154.
  8. Marini, J.J. e L. Gattinoni, Management of COVID-19 Respiratory Distress. JAMA, 2020.

Date of Printing: 15.07.2020
Disclaimer:
The content of this article is for informational purposes only and is not intended to be a substitute for professional training or for standard treatment guidelines in your facility. Any recommendations made in this article with respect to clinical practice or the use of specific products, technology or therapies represent the personal opinion of the author only, and may not be considered as official recommendations made by Hamilton Medical AG. Hamilton Medical AG provides no warranty with respect to the information contained in this article and reliance on any part of this information is solely at your own risk.